home > News > Cedolare secca anche per negozi

Cedolare secca anche per negozi

15/04/2019

Non solo i proprietari delle case in affitto ma anche quelli di negozi e locali commerciali possono beneficiare della cedolare secca. La manovra 2019ha allargato, infatti, a queste locazioni il regime agevolato riservato fino ad oggi alle abitazioni.

Per poter beneficiare della cedolare secca 2019 per negozi e locali commerciali ci sono, tuttavia, dei vincoli legati alla data in cui viene stipulato il contratto di locazione, alla metratura del locale e al tipo di immobile. Requisiti che, se rispettati, danno la possibilità di rientrare nel regime che consente la tassazione fissa del 21% anziché quella ordinaria Irpef.

La cedolare secca, infatti, prevede questo vantaggio a patto che il proprietario dell’immobile si impegni a non variare il canone d’affitto per tutta la durata del contratto. Questa possibilità, dunque, interessa anche negozi e locali commerciali.

Dal 2019, ed in virtù di quanto previsto dalla manovra varata  dal Governo e approvata a fine 2018 dal Parlamento, la cedolare secca interessa anche negozi e locali commerciali.

In linea di principio, i presupposti sono gli stessi: 21% di tassazione fissa a patto che il proprietario non aumenti (o diminuisca) il canone d’affitto e niente imposte di registro o di bollo.

Tuttavia, ci sono dei requisiti particolari per poter beneficiare del regime agevolato. Il primo riguarda il momento in cui viene firmato il contratto di affitto del negozio o del locale commerciale: deve essere stipulato nel 2019. La cedolare secca non si applica, però, se al 15 ottobre 2018 risulta un contratto di locazione scaduto tra gli stessi soggetti e per lo stesso immobile. In altre parole, si deve trattare di un nuovo rapporto tra le parti, e non di una sorta di rinnovo fatto apposta per beneficiare della cedolare.

Il secondo requisito riguarda la metratura dell’immobile: il negozio o il locale commerciale deve avere una superficie non superiore ai 600 metri quadrati al netto delle pertinenze.

Infine, il terzo requisito per beneficiare della cedolare secca 2019 per negozi e locali commerciali è quello che riguarda la categoria catastale dell’immobile. Possono accedere al sistema agevolato i contratti che riguardano:

  • negozi e botteghe (categoria C/1);
  • magazzini e locali di deposito (categoria C/2);
  • stalle, scuderie e rimesse (categoria C/6);
  • tettoie chiuse o aperte (categoria C/7) se affittate insieme al negozio o al locale commerciale.
Stampa la Pagina Salva la Pagina in PDF